Fare il giornalista, cronaca di un sogno che può avverarsi

 

Vi siete mai chiesti come da ragazzo di provincia si possa diventare un giornalista? Come si arrivi a fare quello che secondo me è il migliore mestiere del mondo, armati di macchina fotografica, quadernetto, penna, microfono, registratore, per poi sedersi davanti al computer a scrivere e pubblicare? È così che si informa, si fa riflettere la gente, la si stupisce e a volte indignare, magari suscitando nell’opinione pubblica il desiderio di trovare una soluzione al male che oggi è presente nel mondo. Tutto ciò non avviene, nella maggior parte dei casi, spedendo un proprio articolo a qualche grande giornale, che magari non ti risponde o, se lo fa, ti dice di non poterti dare voce. Se si vuole diventare un giornalista, è bene indubbiamente  formarsi negli ambiti di studio che preparano a questa professione, ma  lo si può intanto anche iniziare a fare di testa propria, magari aprendo un blog come free lance. È quello che ho fatto io per coronare la mia grande passione, per occuparmi di ciò che mi fa stare bene. Dopo mesi passati a scervellarmi, una notte ho deciso di aprire un mio sito, nel quale stabilire in prima persona come rendere più interessante per l’utente quello che contiene, come un generale che guida i suoi soldati (le notizie), anche con l’intento di sfidare e battere la concorrenza in una sana e leale competizione nell’informare.

Appena ho inaugurato il mio blog, ho provato una sensazione di stupore.

Avevo davanti agli occhi la mia opera, ero esterrefatto. Oggi, a distanza di quasi un mese, sento di essere un operatore dell’informazione che svolge con serietà il suo compito ed è felice di quello che fa. Occupandomi prevalentemente di sport, godo quando la mia squadra del cuore segna ma mi sforzo di essere pacato e di spiegare nei minimi dettagli i fatti quando mi rivolgo al pubblico. Grazie all’ampliamento degli spazi ed all’inserimento di nuove categorie di notizie, in aggiunta a quelle dedicate allo sport , il numero di quelli che mi seguono aumenta. Chissà se prima o poi mi noterà una grande testata, com’è tra i miei obiettivi. Intanto il sogno è già diventato realtà.

Gianluca Scanu
Classe 5^ L Liceo Musicale

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *